Logo dell' Ente

Messaggio
  • Direttiva Europea sulla e-Privacy

    Questo sito web utilizza i cookies di sessione e persistenti per gestire la navigazione e fornire statistiche sull'utilizzo del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per il tempo previsto.

    Visualizza la politica di privicy

    Visualizza la Direttiva Europea di e-Privacy

Home Comunicati Stampa Abbruciamento di residui vegetali - Divieto assoluto - DIVIETO PROROGATO FINO AL 30 SETTEMBRE

LA REGIONE TOSCANA PROROGA IL DIVIETO DI ACCENDERE FUOCHI AL 30 SETTEMBRE 2019

 

Posticipato fino al 30 settembre il divieto assoluto di abbruciamento di residui vegetali agricoli e forestali e qualsiasi accensione di fuoco in bosco, ad esclusione della cottura di cibi in abitazioni o loro pertinenze e nelle aree attrezzate, su tutto il territorio regionale. Attenersi al divieto e in caso di avvistamenti fumo e focolai telefonare subito al numero verde 800 425 425 (Sala operativa AIB regionale) e al 115 (Vigili del Fuoco)

La proroga del divieto di abbruciamento di residui vegetali vale anche anche per qualsiasi accensione di fuochi in bosco (divieto sempre previsto dal Regolamento forestale della Toscana), ad esclusione della cottura di cibi in bracieri e barbecue situati in abitazioni o pertinenze e all'interno delle aree attrezzate.

La mancata osservanza delle norme di prevenzione comporta l'applicazione di pesanti sanzioni previste dalle disposizioni in materia.
Anche nei giorni scorsi si sono registrati sul territorio regionale numerosi abbruciamenti di residui vegetali effettuati nonostante il divieto, pertanto la Regione raccomanda di attenersi scrupolosamente alle prescrizioni della normativa per scongiurare il rischio di innesco di incendi e per evitare di incorrere in sanzioni.

I cittadini sono invitati a segnalare tempestivamente avvistamenti di fumo ed eventuali focolai al numero verde della Sala operativa regionale 800 425 425 o al 115 dei Vigili del Fuoco.

 


 

Si ricordano le disposizioni normative della Regione Toscana. Periodo a rischio di incendio dal 24 giugno al 31 agosto:
divieto assoluto di abbruciamento di residui vegetali agricoli e forestali su tutto il territorio regionale.

Con l'entrata in vigore delle modifiche al regolamento forestale (d.p.g.r. 8 agosto 2003, n. 48/R) che si è adeguato alla normativa nazionale (estratto D.lgs.152/2006), non esistono più deroghe legate a fasce orarie o distanze dal bosco negli abbruciamenti di residui vegetali agricoli e forestali. Qualsiasi tipo di abbruciamento è vietato per tutto il periodo a rischio incendi

La Regione Toscana potrà stabilire di prolungare il periodo di divieto assoluto, oltre la data del 31 agosto, in base all'indice di pericolosità per lo sviluppo degli incendi boschivi, con un'eventuale estensione del periodo di divieto che potrà essere disposta anche per singolo territorio comunale.


Accensione fuochi nei boschi

Periodo a rischio di incendio (24 giugno-31 agosto)

È vietata qualsiasi accensione di fuochi, ad esclusione della cottura di cibi in bracieri e barbecue situati in abitazioni o pertinenze e all'interno delle aree attrezzate. Anche in questi casi vanno comunque osservate le prescrizioni del regolamento forestale.

La mancata osservanza dei divieti, comporta l'applicazione delle sanzioni previste dalle vigenti disposizioni in materia

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 12 Settembre 2019 11:58 )
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna