Logo dell' Ente

Messaggio
  • Direttiva Europea sulla e-Privacy

    Questo sito web utilizza i cookies di sessione e persistenti per gestire la navigazione e fornire statistiche sull'utilizzo del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per il tempo previsto.

    Visualizza la politica di privicy

    Visualizza la Direttiva Europea di e-Privacy

Home

ReI - Reddito di inclusione

Condividi su facebook Condividi la notizia su twitter PDF  Stampa  E-mail 

ReI - Reddito di inclusione

 

Destinatari e requisiti

Requisiti di residenza e di soggiorno.
Il richiedente deve essere, congiuntamente:
- cittadino dell'Unione o suo familiare che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di
soggiorno permanente, ovvero cittadino di paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno
UE per soggiornanti di lungo periodo o apolide in possesso di analogo permesso o titolare di
protezione internazionale (asilo politico, protezione sussidiaria);
- residente in Italia, in via continuativa, da almeno due anni al momento di presentazione

della domanda.

 

Requisiti familiari

Il nucleo familiare, con riferimento alla sua composizione come risultante nella DSU, deve trovarsi, al momento della domanda, in una delle seguenti condizioni:
A - presenza di un componente di età minore di anni 18;
B - presenza di una persona con disabilità e di almeno un suo genitore, oppure di un suo tutore;
C - presenza di una donna in stato di gravidanza accertata;
D - presenza di almeno un lavoratore di età pari o superiore a 55 anni, che si trovi in stato di
disoccupazione per licenziamento, anche collettivo, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale intervenuta nell'ambito della procedura di cui all'articolo 7 della legge 15 luglio 1966, n. 604, ed abbia cessato, da almeno tre mesi, di beneficiare dell'intera prestazione per la disoccupazione, oppure, nel caso in cui non abbia diritto di conseguire alcuna prestazione di disoccupazione per mancanza dei necessari requisiti, si trovi in stato di disoccupazione da almeno tre mesi.
Il ReI è incompatibile con la contemporanea fruizione, da parte di qualsiasi componente il nucleo familiare, della NASpI o di altro ammortizzatore sociale per la disoccupazione involontaria.

 

Requisiti economici

Il nucleo familiare del richiedente deve essere, per l'intera durata del beneficio, e congiuntamente, in possesso di:
1) un valore dell'ISEE, in corso di validità, non superiore ad euro 6.000;
2) un valore dell'ISRE ai fini ReI non superiore ad euro 3.000;
3) un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore ad
euro 20.000;
4) un valore del patrimonio mobiliare, non superiore ad una soglia di euro 6.000, accresciuta di euro 2.000 per ogni componente il nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di euro 10.000;
Ai fini della verifica dei requisiti economici, sarà presa in considerazione l'attestazione ISEE in corso di validità: se nel nucleo è presente un componente di età inferiore ad anni 18, sarà considerato l'ISEE minorenni; in assenza di minorenni nel nucleo, sarà considerato l'ISEE
ordinario; in presenza di ISEE corrente (che aggiorna l'ISEE ordinario o l'ISEE minorenni) sarà comunque considerato quest'ultimo.
L'ISEE deve essere rinnovato alla scadenza per evitare la sospensione del beneficio.

Il nucleo familiare deve essere, inoltre, congiuntamente, nelle seguenti condizioni:
- nessun componente intestatario a qualunque titolo o avente piena disponibilità di autoveicoli, ovvero motoveicoli immatricolati la prima volta nei ventiquattro mesi antecedenti la richiesta, fatti salvi gli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità;
- nessun componente intestatario a qualunque titolo o avente piena disponibilità di navi e
imbarcazioni da diporto.

 

Decorrenza e durata

Il ReI è concesso a decorrere dall'1 gennaio 2018. Il beneficio economico è concesso per un
periodo continuativo non superiore a 18 mesi. In caso di trasformazione del SIA in ReI la durata del beneficio economico del ReI è corrispondentemente ridotta del numero di mesi per i quali si è goduto del SIA. La durata del SIA eventualmente percepito viene sempre dedotta da quella del ReI.
Superato il limite dei diciotto mesi, può essere rinnovato, per non più di dodici mesi, solo dopo
che siano trascorsi almeno sei mesi dalla data di cessazione del godimento della prestazione.

 

Beneficio

Il beneficio economico del ReI è pari, su base annua, al valore di euro 3.000 moltiplicato per il parametro della scala di equivalenza corrispondente alla specifica composizione del nucleo familiare, nonché per un parametro pari, in sede di prima applicazione, al 75 per cento.
La misura è soggetta ad un tetto massimo di erogazione, in quanto l'importo del beneficio non può essere superiore all'ammontare annuo dell'assegno sociale (pari per il 2017 a 5.824,80 euro).
Il ReI è erogato mensilmente, per un importo pari ad un dodicesimo del valore su base annua.
In caso di fruizione di altri trattamenti assistenziali da parte di componenti il nucleo
familiare, il valore mensile del ReI è ridotto del valore mensile dei medesimi trattamenti.

Per ottenere il beneficio, il nucleo familiare del richiedente dovrà aderire ad un progetto personalizzato di inclusione sociale attivazione sociale e lavorativa sostenuto da una rete integrata di interventi, individuati dai servizi sociali del Comune, in rete con gli altri servizi del territorio (i centri per l'impiego, i servizi sanitari, le scuole) e con i soggetti del terzo settore, le parti sociali e tutta la comunità.

Se i componenti dei nuclei familiari non sottoscrivono il progetto, ne violano ripetutamente gli obblighi o assumono frequentemente comportamenti inconciliabili con gli obiettivi, i Comuni possono stabilire la revoca o l'esclusione dal beneficio.

 

Modalità di presentazione della domanda

 

La domanda di ReI deve essere presentata allo Sportello Sociale dell'Unione dei Comuni presso il proprio comune di residenza.

 

Riconoscimento del ReI

I comuni comunicano all'INPS, attraverso le modalità telematiche predisposte dall'Istituto, le informazioni contenute nel modulo di domanda del ReI. Una volta effettuati i controlli sul possesso dei requisiti, il versamento del beneficio è disposto dall'INPS, che invierà al beneficiario apposita comunicazione scritta tramite lettera.

 

Erogazione del ReI

Il beneficio economico è erogato tramite la carta acquisti, ridenominata Carta ReI.
La Carta ReI consente la possibilità di prelievi di contante, entro un limite mensile non
superiore alla metà del beneficio massimo attribuibile. La Carta è inoltre utilizzabile per l'acquisto dei generi già previsti per la Carta acquisti.
La carta viene emessa Poste Italiane S.p.a. -
Servizio Banco Posta. Il beneficiario riceverà dall'INPS la comunicazione dell'emissione della Carta ReI e dovrà recarsi presso uno degli Uffici Postali abilitati al rilascio, presentando il proprio documento di identità.
Prima di poter utilizzare la Carta ReI il titolare dovrà attendere la ricezione del PIN, che verrà inviato in busta chiusa, presso l'indirizzo di domicilio indicato nella domanda.

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 01 Dicembre 2017 11:04 )
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna