Logo dell' Ente

Messaggio
  • Direttiva Europea sulla e-Privacy

    Questo sito web utilizza i cookies di sessione e persistenti per gestire la navigazione e fornire statistiche sull'utilizzo del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per il tempo previsto.

    Visualizza la politica di privicy

    Visualizza la Direttiva Europea di e-Privacy

Home Comunicati Stampa Ultima tappa del progetto "Prevenzione incidenti stradali" con la classe 4B della scuola primaria "G.Marconi" di Limite sull'Arno. Il Sindaco Giunti: "Le regole servono a comportarsi bene, non sono pensate per fare un dispetto a qualcuno"

Si è svolta oggi a Capraia e Limite la mattinata conclusiva del progetto "Prevenzione incidenti stradali", promosso da Asl Toscana Centro e Comando Generale di Polizia Municipale dell'Unione dei Comuni Circondario dell'Empolese-Valdelsa. L'iniziativa, finalizzata a trasmettere la cultura della sicurezza e l'acquisizione di comportamenti adeguati e corretti da mantenere sulle strade per ridurre il rischio di incorrere in incidenti di qualsiasi tipo, ha visto la partecipazione di diverse scuole della zona. A Capraia e Limite, ha aderito la classe 4B (27 bambini) della scuola primaria "G.Marconi" di Limite sull'Arno, che ha incontrato per tre volte l'agente di polizia municipale Angela Morvillo. In classe, prima, e per strada successivamente, gli alunni hanno potuto apprendere le principali regole di circolazione da seguire quando si muovono a piedi o in bicicletta, nonchè il significato dei cartelli stradali che costeggiano le vie del paese percorse ogni giorno, con l'obiettivo di ottenere il patentino di "pedone perfetto" o "ciclista perfetto".

All'appuntamento finale di stamani, ha partecipato anche il Sindaco Alessandro Giunti, che si è rivolto così ai bambini:

"Questi sono momenti importanti per la vostra crescita e formazione per diventare cittadini corretti di oggi e di domani. Le regole che sono state messe per circolare sulle strade, non sono state pensate per punire i cattivi o per fare un dispetto a qualcuno. Le regole ci sono perchè sono utili a comportarsi bene, capire che nella vita ci sono dei valori e delle norme da rispettare per essere bravi cittadini. Per queste strade ci passate ogni giorno, le conoscete, e sapete anche che possono esserci tanti rischi se non seguite quello che dicono i cartelli e che vi hanno spiegato in questo progetto. Sono convinto che queste ore di educazione stradale siano state preziose per tutti voi, vi faccio i complimenti per l'attenzione e l'entusiasmo nel seguire gli insegnamenti di Angela e delle vostre maestre che vi hanno permesso di partecipare all'iniziativa".

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 01 Giugno 2016 14:33 )
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna