Logo dell' Ente

Messaggio
  • Direttiva Europea sulla e-Privacy

    Questo sito web utilizza i cookies di sessione e persistenti per gestire la navigazione e fornire statistiche sull'utilizzo del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per il tempo previsto.

    Visualizza la politica di privicy

    Visualizza la Direttiva Europea di e-Privacy

Home Tributi

 

Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi – TARES

 

Il D.L. 201/2011 (cosiddetto Salva Italia) ha introdotto a decorrere dal 1° Gennaio 2013 il Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi, Denominato TARES, che sostituisce la TIA in vigore fino al 31/12/2012.

La TARES è a tutti gli effetti un tributo e quindi non soggetto a IVA, il presupposto è il possesso o l’occupazione a qualunque titolo, di locali suscettibili di produrre rifiuti solidi urbani. E’ calcolato sulla base dei mq occupati e della tipologia di utenza.

Secondo quanto stabilito dalla legge dello Stato, la TARES, insieme al pagamento del servizio di raccolta rifiuti comprenderà un’ulteriore maggiorazione, per i servizi indivisibili (illuminazione, manutenzione strade, sicurezza, ecc.), che sarà corrisposta congiuntamente al saldo e sarà versata direttamente allo Stato. Per il 2013, tale maggiorazione è di 0,30 euro al mq.

 

L’intera normativa riguardante la TARES entrerà in vigore dal 2014. Nel 2013, in via transitoria, il servizio di emissione degli avvisi di pagamento continuerà ad essere svolto da Publiambiente che si occuperà anche della riscossione in base alle seguenti scadenze, stabilite dal Comune:

 

• prima rata, scadenza 31 luglio 2013, in acconto per il 40% del dovuto per il 2012;

 

• seconda rata, scadenza Ottobre 2013, in acconto per il 40% del dovuto per il 2012;

 

• terza rata , emissione entro il 31 Marzo 2014 di un ulteriore acconto nella medesima misura dei precedenti, ovvero pari all'importo dovuto a saldo qualora questi risulti inferiore.

 

• saldo entro il 31 luglio 2014 con scadenza del pagamento al 30/09/2014

 

 

AGEVOLAZIONI


ISEE


Con la deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 24/07/2013, esecutiva ai sensi di legge, sono state previste agevolazioni tariffarie a favore di singole categorie di utenti per particolari ragioni di carattere economico e sociale, stabilendo i criteri per la concessione delle stesse ai fini della TARES per l’anno 2013, con espresso riferimento all’indicatore I.S.E.E. determinato ai sensi del D.Lvo 31/03/1998, n. 109 modificato con D.Lvo n. 130 del 03/05/2000;

-          RIDUZIONE DEL 50% per nucleo familiare con indicatore I.S.E.E. fino a € 7.672,00

-          RIDUZIONE DEL 30% per nucleo familiare con indicatore I.S.E.E. da € 7.673,00 a € 10.033,00

-          RIDUZIONE DEL 50% per nucleo familiare composto da soli ultrasessantacinquenni con indicatore I.S.E.E. fino a € 10.033,00

-          RIDUZIONE DEL 50% in favore di nuclei familiari con presenza di uno o più componenti di disabili gravi o non autosufficienti regolarmente certificati in applicazione della Legge 18/80, purchè non ospitati in strutture pubbliche e/o private, con indicatore I.S.E.E. fino a € 11.214,00

La richiesta deve essere presentata per l'anno 2013 entro il 31 MAGGIO 2014 presso l'Ufficio Servizi al Cittadino e alle Imprese del Comune di Capraia e Limite, Piazza Otto Marzo 1944 n. 9 dal lunedì al venerdi dalle ore 8.30 alle ore 13.00 Martedì e Giovedì dalle 15.00 alle 18.00 Agosto dal lunedì al sabato ore 8.30 – 13.00.

Oltre al possesso di reddito ISEE come dalle fasce sopra riportate, devono sussistere le seguenti condizioni da parte di tutti i componenti del nucleo familiare “criteri aggiuntivi” (da dichiarare con autocertificazione, soggetta a controlli da parte dell’Ente):

a)                   Non essere titolare di diritto di proprietà, usufrutto, abitazione, altro diritto reale, su un fabbricato diverso dall’abitazione principale e dalla sua pertinenza ubicato in qualsiasi località italiana e/o straniera in percentuale pari o superiore al 50% .

 

b)                   Non essere proprietario né il richiedente né altro componente il nucleo familiare di:

 

 

-          Autoveicolo/i con potenza superiore a 80 Kw immatricolato/i nei 4 anni precedenti la presentazione dell’istanza:

-          Motoveicolo/i con potenza superiore a 40 Kw immatricolato/i nei 4 anni precedenti la presentazione dell’istanza.

-          Camper e caravan immatricolati negli 10 anni precedenti la presentazione dell’istanza

-          Altro bene di lusso registrato in Pubblici Registri;

 

sono esclusi gli autoveicoli adibiti al trasporto delle persone diversamente abili e i veicoli utilizzati esclusivamente per il lavoro.

c)                   Non essere proprietario di aree edificabili;

 

 

d)                   Non avere pagamenti pendenti con il Comune o con le sue partecipate, salvo che regolarizzi la sua posizione entro i termini indicati dal Comune stesso;

 

 

Nel caso di ISEE pari a “zero” o reddito inattendibile, non sarà erogata nessuna prestazione agevolata, salvo diversa comunicazione del Servizio Sociale o reale disponibilità economica derivante da cespiti non considerabili ai fini IRPEF (pensione sociale, assegno sociale, indennità di accompagnamento, pensione di invalidità civile, assegno per alimenti, pensione inail, ecc.). Le dichiarazioni con ISEE pari a zero o con reddito inattendibile saranno sottoposte a verifica.

Il reddito è ritenuto inattendibile quando:

a)       in caso di affitto, il canone annuo di locazione risulti superiore rispetto alla situazione reddituale e/o alla situazione patrimoniale mobiliare del nucleo familiare;

a)       in caso di proprietà dell’abitazione quando la rata annuale di mutuo risulti superiore rispetto alla situazione reddituale e/o alla situazione patrimoniale del nucleo familiare.

 

Nel caso di assegnazione di casa popolare il richiedente sarà inserito nella fascia superiore rispetto a quella spettante e l’eventuale esonero sarà concesso soltanto dietro presentazione di una dichiarazione del servizio sociale dell’Unione dei Comuni.

 

 

PERDITA DI LAVORO NEL CORSO DELL’ANNO 2013

 

 

Sono previste agevolazioni:

 

-          A favore dei lavoratori dipendenti e atipici con reddito familiare inferiore a 60.000 euro che siano stati oggetto di atti di risoluzione del rapporto di lavoro senza alcuna indennità di disoccupazione è previsto l'abbattimento del 100% della TARES stabilita per l'anno 2013 sull'abitazione principale;

 

-          A favore dei lavoratori dipendenti ed atipici con reddito familiare inferiore a 60.000 euro che siano stati oggetto di atti di risoluzione del rapporto di lavoro e percepiscano forme di indennità di disoccupazione e lavoratori posti in cassa integrazione e mobilità, è previsto l'abbattimento del 60% della TARES stabilita per l'anno 2013 sull'abitazione principale.

 

-           

 

Per ottenere le suddette riduzioni ed esenzioni occorre:

 

A)      che il periodo di disoccupazione e/o cassa integrazione e/o mobilità per l'anno 2013 si protragga per almeno tre mesi (90 giorni) anche non continuativi;

 

B)       che il reddito familiare (reddito lordo ai fini fiscali di tutto il nucleo familiare anagrafico del richiedente l'agevolazione) sia composto esclusivamente da reddito di lavoro dipendente e/o pensione e dall'unica casa di proprietà con le relative pertinenze, dove si deve avere la residenza.

 

 

 

Si invitano tutti coloro che si trovano in una delle suddette situazioni, al fine di ottenere la prevista agevolazione, a compilare la prescritta richiesta con allegata la documentazione occorrente entro il termine del 31 MAGGIO 2014.

  

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 21 Marzo 2014 10:30 )